Una protesta contro la politica filatelica sammarinese

19 settembre 2017

Tutti conoscono il «Gronchi rosa», pur non essendo certo il francobollo più raro e costoso. E molti probabilmente sanno anche che il valore di quel francobollo schizzò alle stelle a causa di un banale ma diplomaticamente grave errore relativo ai confini del Perù tracciati dal disegnatore. I pochi esemplari venduti (meno di 80mila) prima che le Poste ritirassero quel «pezzettino di carta» dal mercato divennero molto ricercati. Un errore, la fortuna e la costanza di collezionisti pronti ad andare agli uffici postali il primo giorno di emissione. Tutte componenti di un «investimento» che oggi difficilmente si possono ripetere nel mondo della filatelia. Eppure capita ancora di vedere francobolli che raggiungono un prezzo spropositato anche senza particolari coincidenze come quelle del «Gronchi rosa». Ma il più delle volte, dietro ai moderni aumenti di valore non c’è nulla del «romanticismo» di quella vicenda. E proprio una situazione perlomeno strana, ha portato in questi  piccolo piccolo, un adesivo blu, ricamato con un sottile filo bianco a rappresentare lo stemma del Castello della Repubblica del Titano, per celebrare il 140’ anniversario della prima emissione filatelica di San Marino. Una sorta di opera in miniatura che le poste hanno messo in vendita a 4,70€ al pezzo. E che in pochi giorni vale già oltre 100 €, e si avvicina ai 500 per chi vuole comprare un foglietto con sei pezzi attaccati. Cosa è successo? Già la tiratura è stata molto limitata: appena 20mila esemplari messi sul mercato. Ma il problema denunciato dai filatelici liguri sta nel metodo adottato dalle Poste di San Marino per distribuire i francobolli. Ad esempio i collezionisti e i circoli filatelici si abbonano al servizio «nuove emissioni» per essere certi di non perdere mai un nuovo pezzo e regolarmente ricevono quanto richiesto. In questa occasione invece non è andata così. Chi ha prenotato come sempre i suoi esemplari, si è visto recapitare tutti i francobolli richiesti, tranne quelli celebrativi stampati in pochi esemplari. Così Guido Giovannone, presidente dell’Unione Filatelica Ligure, ha preso carta e penna per far sentire alle Poste della Repubblica di San Marino tutta la rabbia dei liguri. «Ho ricevuto diverse segnalazioni dai sodalizi aderenti per la mancata spedizione in abbonamento della emissione in oggetto — tuona Giovannone —. In particolare il Circolo Filatelico Baia delle Favole di Sestri Levante che da 30 anni ha in abbonamento per il servizio novità di San Marino dedicato a 9 soci. La richiesta all’Ufficio Postale abbonamenti di San Marino era stata avanzata (sempre per 9 Serie) il 26/06 per le emissioni del periodo, con allegato il bonifico per l’importo totale. La risposta è arrivata il 31/07. La busta conteneva tutto quanto richiesto ad eccezione del francobollo in oggetto, con la giustificativa “a causa della limitata tiratura dei francobolli non siamo in grado di soddisfare completamente il suo ordine”. Penso sia comprensibile il disagio per il Circolo e il malcontento degli abbonati che sembrano intenzionati a disdire gli abbonamenti. Certo questi francobolli si troveranno sul mercato libero a prezzi al di fuori di ogni ragione». Infatti già i siti specializzati in aste, ma anche i grandi commercianti del settore, offrono i francobolli a prezzi venti volte superiori il valore nominale al quale sono stati venduti pochi giorni fa dalle Poste. E in questi casi, di solito, il costo è solo destinato ad aumentare. Non per un errore involontario, ma per una precisa strategia. «Questo non giova certo al buon nome della filatelia in un contesto dove è sempre più difficile creare nuovi giovani collezionisti — conclude il presidente ligure —. Io personalmente, e con me diversi altri soci, siamo formatori nelle scuole nell’ambito del progetto “Filatelia nella Scuola” e vediamo con quanta difficoltà si riesca a interessare i ragazzi al collezionismo: Sicuramente certi “giochi” di mercato sarebbero incomprensibili e scoraggiano piccoli e grandi a intraprendere nuove collezioni moderne».

Articolo di Diego Pistacchi, pubblicato su Il Giornale del 10 Agosto 2017

 

Annunci

Collezionando a Bardineto 2017

19 settembre 2017

Il programma della tradizionale Manifestazione organizzata dal Circolo Filatelico Finalese


La Filatelia ligure a Lavagna: il V Trofeo Liguria “1 Quadro” e il premio filatelico “Città di Lavagna”

19 settembre 2017

Il Circolo Filatelico Lavagnese e l’Unione Filatelica Ligure hanno organizzato nei giorni 16-17 settembre a Lavagna – presso la Sala Rocca in Piazza Cordeviola – la quinta edizione del Trofeo Liguria un quadro, competizione a squadre a cui hanno partecipato i circoli filatelici aderenti all’Unione Filatelica Ligure con collezioni di loro soci composte da 12 fogli. Le partecipazioni ammesse al concorso hanno raggiunto quasi cinquanta e hanno rappresentato un interessante panorama di cosa la filatelia sa offrire ai collezionisti. La giuria, composta da Luca Lavagnino, Claudio Magro e Claudia Massucco, ha giudicato le collezioni singolarmente. Il Verbale con i punteggi raggiunti viene riportato in allegato. Inoltre le tre migliori valutazioni delle collezioni di ogni circolo hanno contribuito al punteggio complessivo della squadra e all’assegnazione del Trofeo Liguria, che è andato al Circolo Filatelico Lavagnese. Il secondo classificato è stato il Circolo sestrese “Baia delle Favole”.

La manifestazione ha celebrato anche il 60° anniversario della costituzione del Circolo Filatelico Lavagnese, fondato il 30 giugno 1957: a questo scopo, è stata edita un’apposita cartolina ricordo e nella giornata di sabato 16 è stato presente un ufficio postale distaccato dotato di annullo speciale.

L’orario di apertura al pubblico è stato il seguente: sabato 16 settembre ore 9-12.30 e 15-19, domenica 17 ore 9-12.30. Il programma ha previsto l’inaugurazione ufficiale sabato 16 alle ore 10, con la consegna della nona edizione del Premio Filatelico Città di Lavagna, che è stato assegnato a Raffaele Ciccarelli con la seguente motivazione: “Attento, attivo, curioso e intraprendente studioso di storia e di posta locale, assiduo frequentatore di archivi, è autore di due fondamentali testi per chi si occupa di storia postale ligure quali «Storia postale del dipartimento degli Appennini (1805-1814)» e «Il servizio postale a Lavagna all’inizio dell’Ottocento»”, precisa la motivazione. “Si interessa anche di posta militare della Prima guerra mondiale, con particolare attenzione alle cartoline di franchigia e alla Marina sul fronte terrestre, argomento al quale ha dedicato varie conferenze e articoli. Ha vinto il decimo «Premio Neberti» a Saluzzo nel 2015 ed è collaboratore del sito «Il postalista»”

Domenica alle 10 si è tenuta la riunione dei circoli aderenti all’Unione Filatelica Ligure e alle 13, durante il pranzo sociale, si è svolta la cerimonia di premiazione degli espositori e l’assegnazione del Trofeo Liguria un quadro.

 

 


Addio Vittorio

14 settembre 2017

Riportiamo di seguito un articolo autobiografico scritto da Vittorio che ripercorre la storia dell’Unione Filatelica Ligure ed inserito nel Numero Unico per festeggiare il Ventennale dell’UFL.

Correva l’anno 1987.

Dopo più di cinque anni di girovagare, per la Liguria e fuori, per conoscere e farci conoscere, Gino Maglio ed io decidemmo che era giunto il momento di provare a dar vita a qualcosa che da un po’ di tempo mi frullava per la testa: la costituzione di un’organizzazione regionale che servisse a tutti i filatelisti per conoscersi, per dialogare, per scambiarsi idee e progetti e … francobolli.

Qualche esperienza di un certo livello l’avevamo già fatta con il Circolo Spotornese di cui Maglio era presidente storico. Alcune mostre ben riuscite, un Congresso Nazionale della Federazione, alcuni incontri bilaterali, avevamo ospitato l’AICAM. Soprattutto, avevamo intessuto ottimi rapporti con molti “pezzi grossi” della filatelia nazionale e con i giornalisti del settore.

Il 22 marzo si tiene a Spotorno la prima riunione: due i problemi sul tappeto: l’organizzazione di una “Giornata della Filatelia” e  gettare le basi per la futura Unione. Mi sembra giusto citare i nomi dei partecipanti. Grippa, in veste di Delegato Regionale e, con Guanito Rosa, in rappresentanza del Circolo Imperiese; Chiarino Boragni, Presidente del Circolo Filatelico Finalese,

Giorgio Rocchi, per “La Lanterna” di Genova; Uberto Baggiani, per la sezione ligure dell’Associazione Nazionale di Scoutfilatelia; Marte Postogna per il Circolo Filatelico Sanremese;

Pesce senior, per il Circolo “Amici del Mare” di Camogli; Antonio Fava, per il Dopolavoro Ferroviario di Genova; Varni, per il CRAL Fincantieri di Sestri Ponente; Mirio Maineri e Torielli, in rappresentanza dell’Università Popolare Sestrese; Gino Scatolini, per il Dopolavore Ferroviario

di Savona; Maglio ed io per Spotorno. All’ultimo momento é venuta a mancare la presenza di Giulio Tagliati, che in seguito avrà un notevole peso nell’Unione, che avrebbe dovuto rappresentare il Circolo di Lavagna. Manca pure il Cav.Gagliardi, del Circolo Savonese.

Il 21 maggio, durante la seconda riunione, si gettano le basi per la futura Unione; si costituisce la Commissione Costituente, della quale fanno parte Bennardo, Boragni, Grippa, Maglio, Malan, Paglioni, Pesce, Rosa, Scatolini, ed il sottoscritto.

Il 22 giugno, con l’approvazione della bozza di Statuto, l’Unione prende vita.

La “Giornata della Filatelia 1987”, a Spotorno, é un successo: 73 collezioni esposte su 400 quadri, 26 circoli liguri, oltre a quello di Mentone, presenti. Successo che non passa inosservato. Con un suo stand, l’Unione Filatelica Ligure, il cui nome campeggia ben in vista, si presenta al pubblico.

Il 13 dicembre 1987, l’Unione Filatelica Ligure, composta da 20 circoli, approva lo Statuto ed elegge il suo primo Direttivo: Canovi Presidente, Maglio Segretario, Rocchi, Rosa e Tagliati vice-

Presidenti, Boragni, Grippa e Paglione formano il Collegio dei Probiviri. Rocchi assume anche l’incarico di Delegato Regionale presso la Federazione.

Sembra storia di ieri, ma sono passati venticinque! Quante vicissitudini, quante avventure, quanti successi. Maglio, sempre lui, ancora sulla breccia, mi ha chiesto di scrivere una breve storia della nostra Unione, ma riassumere in poche righe una storia di vent’anni è praticamente impossibile.

Mi sembra doveroso, prima di abbozzare anche un solo tentativo del genere, ricordare chi non è più fra noi: dai federali Ermentini e Bugatti, a Scatolini, per anni Segretario dell’Unione, a Grippa e Postogna, da Giorgi, presidente dell’Albenganese a Varni, Jemma, Gagliardi, Boragni, Maiocchi…. ( di sicuro ho scordato qualcuno, e me ne scuso).

Col passare del tempo, la nostra Unione si é allargata e ha preso campo; Giulio Tagliati ha fondato il Circolo “Baia delle Favole”, che poi Alberto Caranza, Claudia Massucco e gli altri hanno fatto grande; Francesco Giorgi ha dato vita al Circolo Albenganese, Aurelio Molfa ha costituito il Circolo Dianese, tutti sodalizi nuovi che, in misura diversa, hanno contribuito a far grande la nostra associazione.

E’ nato il “Trofeo Liguria” che Camogli ha tenuto a battesimo nella prima edizione, alla quale ne hanno fatto seguito ben quindici. Memorabili quelle di Spotorno, al Palazzetto dello Sport, quella organizzata dall’Imperiese nel “Pallone” di Diano, quelle di Sestri Levante, nello stupendo scenario della Baia del Silenzio. E poi ancora le Nazionali; di Spotorno, prima del tracollo del locale circolo, e di Sestri Levante.

Il Quaderno Spotornese si é trasformato in Quaderno dell’Unione che tanto ha fatto discutere e che ora Giovannone sta cercando di rilanciare.

La Festa di Natale é stata, ed é tuttora, un’ottima iniziativa lanciata e portata avanti da Maglio; un momento di incontro spensierato e sereno. Un’occasione  per cementare conoscenze e amicizie, a cui spesso partecipano amici provenienti anche da altre regioni.

Gli inviti a Montecarlo (da ricordare quello del ’97, in occasione della prima Mostra) ed il gemellaggio con i circolo francesi della Riviera-Cote d’Azur-Corse segnano l’espansione dell’Unione oltre i confini nazionali. Le nuove amicizie d’oltralpe, i continui incontri e scambi di partecipazione hanno arricchito i nostri soci di esperienze e conoscenze.

E’ a mio avviso importante sottolineare che l’Unione é stata uno dei primi raggruppamenti ad ottenere l’iscrizione all’Albo d’Oro della filatelia nazionale.

L’Unione oggi? C’é, esiste ed opera, nonostante il periodo di crisi della Filatelia in generale.

A Guido Giovannone, Gino Maglio, Alberto Caranza, Giorgio Rocchi e a tutti gli altri che ancora operano perché l’Unione viva, un sentito grazie e un sincero in bocca al lupo…”

Sì, Vittorio, l’UNIONE da te fortemente sostenuta è andata avanti anche se ridimensionata per tutta una serie di ragioni.

Seppure con notevoli difficoltà l’UFL è ancora attiva e i Sodalizi aderenti portano avanti in campo regionale e nazionale il buon nome della filatelia ligure.

Sabato sera 9 c.m. confortato dall’affetto della Tua cara moglie Anna e delle figlie Alessandra e Roberta ci hai lasciati.

Per noi sarai ricordato sempre come il Fondatore e il Presidente dell’Unione Filatelica Ligure.

Con affetto

Guido Giovannone
in rappresentanza di tutta l’UFL


La Filatelia Ligure a Lavagna 16-17 Settembre

30 agosto 2017

La V edizione del Trofeo Liguria “Un quadro” si terrà a Lavagna nei giorni 16 e 17 settembre prossimi presso la Sala Rocca in piazza Cordeviola. La manifestazione, organizzata dal Circolo Filatelico Lavagnese che festeggia il 60° anniversario di attività, prevede un nutrito programma di eventi:

-sabato 16 settembre la cerimonia di inaugurazione alle ore 10 a cui farà seguito la consegna del tradizionale Premio Filatelico Città di Lavagna, IX Edizione. Nella giornata sarà prevista l’attivazione di un ufficio postale distaccato dotato di annullo speciale e di una cartolina commemorativa. Orario di apertura dalle 9 alle 12.30 e dalle 15 alle 19.

-domenica 17 alle ore 10 riunione del Consiglio Direttivo UFL a cui seguirà, durante il pranzo presso il ristorante Spinnaker, la premiazione degli espositori e l’assegnazione del Trofeo Liguria e dei titoli di Campione Ligure per le varie classi.

Orario di apertura: dalle 9 alle 12.30.

Rimarchevole il successo di partecipazione del V Trofeo Liguria “Un Quadro”, che – grazie all’efficace regia organizzativa di Luca Lavagnino, registra ben 48 espositori suddivisi nelle seguenti classi FSFI:

– Filatelia Giovanile con 4 partecipazioni

– Filatelia Tematica con 6 partecipazioni

– Filatelia Tradizionale con 5 partecipazioni

– Classe Aperta con 2 partecipazioni

– Interofilia con 5 partecipazioni

– Maximafilia con 2 partecipazioni

– Storia Postale con 19 partecipazioni

Completano l’esposizione 2 collezioni filateliche e 3 numismatiche fuori concorso.

La Giuria sarà composta da Luca Lavagnino, Claudio Magro, Claudia Massucco, Giurati iscritti all’Albo FSFI.

Nel link l’elenco completo degli esposiori, unitamente al Circolo Filatelico di appartenenza.

Elenco espositori


Ellera: galleria all’aperto della ceramica d’arte – Annullo filatelico

23 maggio 2017

Abbiamo ricevuto in Segreteria l’annuncio dell’emissione di un annullo filatelico in occasione della “Galleria all’aperto della ceramica d’arte” ad Ellera. Riportiamo di seguito la locandina dell’evento.


Centenario dell’affondamento Transylvania

28 aprile 2017

Il Circolo Filatelico Spotornese e l’UFL sono lieti di invitare i lettori a partecipare all’esposizione filatelica e storica, unitamente ad una serie di interessanti interventi rievocativi e culturali inerenti il Centenario dell’affondamento del Transylvania, in programma dal 2 maggio al 14 maggio.

Programma della manifestazione:

Martedì 2 maggio ore 15Biblioteca Civica di Spotorno
Presentazione del romanzo “Il tesoro del Transylvania”, edizioni Neos, alla presenza dell’autrice Fiorenza Pistocchi.

Giovedì 4 maggio dalle 15 alle 21Sala Congressi Palace
Annullo filatelico a tema, a cura del Circolo Filatelico Spotornese, Unione Filatelica Ligure e Circolo Socioculturale Pontorno.

Giovedì 4 maggio, ore 16partenza da Parco Monticello – Via Verdi

Corteo storico con la presenza del corpo di di infermiere volontarie in uniforme storica e associazioni di volontariato del territorio.
Il corteo si fermerà per la deposizione delle corone davanti al Monumento ai Caduti di Piazza della Vittoria, alla lapide del Giardino degli Inglesi adiacente al Comune di Spotorno – Via Aurelia 60 e al Monumento del Marinaio in località Punta Est di Spotorno.
Il corteo seguirà il seguente percorso: parco Monticello, Via Francia, Viale Europa, Piazza Galileo Galilei, Via Garibaldi, Via Siccardi, Piazza della Vittoria, Giardino degli Inglesi, Monumento del Marinaio a Punta Est, Sala Congressi Palace (Via Aurelia 121).

Giovedì 4 maggio, ore 17.00 (circa) –  Sala Congressi Palace
Al termine del corteo, inaugurazione esposizione filatelica curata dal Circolo Filatelico Spotornese e dall’Unione Filatelica Ligure ed esposizione storica curata del Museo storico della Croce Rossa Italiana di Campomorone.
Seguono gli interventi:
Conferenza
“Le Crocerossine nella Grande Guerra: una gloria conseguita col sacrificio e col sangue” a cura del Prof. Stefano Monti Bragadin dell’Università degli Studi di Genova.
Relazione
“Affondamento del Transylvania e le regole della guerra sottomarina nel Primo Conflitto Mondiale” a cura del Capitano di Fregata Giovanni Baici, Comandante in Seconda della Capitaneria di Porto di Savona.

Da giovedì 4 a domenica 14 maggio dalle 16,30 alle 19Sala Congressi Palace
Apertura esposizione filatelica curata dal Circolo Filatelico Spotornese e dall’Unione Filatelica Ligure ed esposizione storica curata del Museo storico della Croce Rossa Italiana di Campomorone.